ITTS C.Grassi Trasporti e Logistica Conduzione del Mezzo Aereo • Costruzione del Mezzo Aereo
Elettrotecnica • Informatica • Meccatronica • Biennio
Maschera d’emergenza per respiratori ospedalieri

 

L'Istituto Carlo Grassi di Torino ha aderito alla "call" fatta ai makers per la realizzazione della valvola Charlotte grazie all'additive manufacting.

La "chiamata" è per costruire le valvole di collegamento per la trasformazione delle maschere di snorkeling in maschere ad ossigeno, il cui progetto è stato realizzato da Isinnova per l'Ospedale di Chiari.

Il progetto open della azienda del Bresciano Issinova (di cui si allega l'articolo, collegamento) ci ha dato il modo di utilizzare le risorse presenti a scuola per essere di aiuto anche in questo periodo di stop forzato.

L'assistente tecnico Augusto Prèt, già stava pensando a questa possibilità, ed ha accolto subito la proposta di fabbricare con stampa 3D la valvola Charlotte appena si sono sentiti con il prof. Romeo informato di questa call ai makers dal prof. Cardillo. La DS ha approvato istantaneamente la proposta e chiesto se ci fosse la disponibilità di macchine e materiali adatti allo scopo, e grazie all'interessamento dell'assistente tecnico si è passati quindi alla realizzazione pratica e alla produzione del primo prototipo per verificarne la funzionalità, i tempi di stampaggio, le eventuali correzioni per dare robustezza alla valvola stessa.

Il prototipo è stato pulito della struttura trabecolare necessaria alla costruzione dell'oggetto 3D, provato sulla maschera da snorkeling e sono state valutate delle correzioni alla stampa per migliorare la robustezza del prodotto ed essere pronti a stampare alcune parti e metterle a magazzino.

Alcuni studenti in collegamento con i propri docenti per la DAD, avvisati, hanno reperito il progetto in rete ed hanno aderito anch'essi alla chiamata.

Sono stati avviati anche i passi necessari per coordinarsi con gli altri player piemontesi al fine di poter fornire le valvole realizzate alle realtà che ne faranno richiesta e su loro richiesta produrre questo componente che potrebbe salvare la vita ai pazienti infetti da COVID-19, migliorandone il percorso di cura.

pezzi 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.